Stragi sulle strade, incentivare programmi di mobilità alternativa che coinvolgano tutti i soggetti interessati

Stragi sulle strade, incentivare programmi di mobilità alternativa che coinvolgano tutti i soggetti interessati

L’incidente di Albiano Magra in Toscana, dove è rimasta coinvolta anche una giovane ragazza di La Spezia, ci mette di fronte ad un nuovo drammatico bilancio di morti sulla strada avvenuto nello scorso fine settimana. Nella sola notte di venerdì sette giovani, dai 19 ai 32 anni, hanno perso la vita in diversi incidenti mortali tra Toscana, Grande Raccordo Anulare di Roma e Campania, con vittime e anche feriti molto gravi. Nonostante i dati nel 2019 segnino una diminuzione del numero di morti per incidenti stradali, le vittime della strada sono ancora troppe, come rilevano Polizia Stradale e Carabinieri. C’è bisogno di nuovi programmi di sensibilizzazione volti a stimolare comportamenti responsabili, nel proprio bene e nell’interesse di tutti coloro che viaggiano in auto e sulle strade, e più incisive misure precauzionali per risvegliare una risposta collettiva. E’ mio interesse proporre al Ministro di attivarci, insieme alla Direzione Sicurezza Stradale, per la promozione di programmi per la riduzione del rischio da incidenti soprattutto nei fine settimana tra i giovani, anche attraverso l’incentivo dell’uso di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata. Le iniziative potrebbero ad esempio essere avviate dai Comuni con il sostegno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’utilizzo di auto condivise, navette private, corse specifiche di TPL e “buoni mobilità sicura”, oppure taxi condivisi. E’ importante essere educati ad una coscienza più responsabile sin dalla giovane età, contando sulla collaborazione degli altri. In tal senso il coinvolgimento dei Comuni, per condividere progetti e obiettivi e rendere veloce e capillare le iniziative, è fondamentale. Perché gli incidenti stradali non capitano mai per caso, c’è sempre una causa sulla quale dobbiamo e possiamo incidere, con la conoscenza, la consapevolezza e con un comportamento maggiormente prudente.

Roberto Traversi

I commenti sono chiusi
Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web. Continuando a utilizzare questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Accetta
Rifiuta